Su La Stampa di oggi, 7 agosto 2017, Francesco Semprini ha pubblicato un’ampia intervista a Giulio Lolli in cui affronta il tema dei migranti e del controllo delle coste libiche.

«Giulio Lolli, 51 anni, in una precedente vita è stato imprenditore nautico sulla riviera adriatica. Oggi, in virtù del suo passato e della impossibilità di rimettere piede in Italia, ha trovato una nuova occupazione in Libia. “Sono uno dei capi delle Forze speciali di sicurezza marittima del porto di Tripoli guidate dal comandante Taha El Musrati, in sostanza la polizia marittima che è cosa diversa dalla Guardia costiera. Ho l’incarico di intercettare i migranti che vengono spediti in mare e riportarli in territorio libico.” Quando lo raggiungiamo al telefono ci spiega che è in emergenza perché è giunta la segnalazione di una massiccia partenza dalle coste in prossimità della capitale. Si deve attivare con i suoi uomini per fermarli il prima possibile…»

Leggi l’intervista completa su La Stampa 

 

la stampa intervista giulio lolli

CONDIVIDI

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO